Un regalo di Natale fai-da-te

Il Pomander di Natale

Un regalo di Natale fai-da-te

Realizziamo durante l’Avvento un regalo di Natale con i nostri bambini, semplice e con ingredienti naturali, che troviamo nelle nostre cucine: il Pomander di Natale. 

Ci vogliono dalle tre alle quattro settimane per l’essiccazione, per tale motivo lo consigliamo come attività da svolgere durante la prima settimana dell’Avvento (tra l’ultima settimana di Novembre e la prima di Dicembre).

Il Pomander di Natale

Il Pomander di Natale è semplicemente un’arancia, un limone, un lime o una mela costellata di chiodi di garofano e resa fragrante con la cannella. Le sue origini risalgono al Medioevo, quando le condizioni igienico-sanitarie rendevano indispensabile la dolcificazione dell’aria.

A seconda dello stato sociale della persona il Pomander indossato poteva variare: un contadino avrebbe usato una mela, senza grandi ornamenti, mentre una persona nobile avrebbe avuto una sorta di gabbia d’oro o d’argento per indossare il suo frutto speziato. Al giorno d’oggi non abbiamo bisogno di indossare il Pomander, ma rimane un ottimo regalo per profumare gli ambienti delle case, gli armadi, le cassettiere e anche i bagagli vuoti, affinché non prendano quel classico odore di “chiuso”!
Il Pomander è bello, e semplice da realizzare, e rappresenta un regalo perfetto da poter realizzare anche con i bambini più piccoli.
Piccolo consiglio: personalmente preferisco l’arancia, per via della sua profumazione, ma la mela è più morbida e risulta più facile per i bambini piccoli.

Pomander regalo di Natale

Materiale:

  • Un frutto a scelta, che sia rotondo e morbido
  • 350 gr di chiodi di garofano
  • 50 gr di cannella in polvere
  • Sacchetto di carta, o di plastica
  • A scelta: noce moscata o zenzero in polvere

Laviamo e asciughiamo con cura il nostro frutto.
Inseriamo i chiodi di garofano interi nella buccia del frutto. Se abbiamo difficoltà a perforare con il chiodo di garofano, ci possiamo aiutare con uno spiedino o un ago da maglia.

Dopo che tutti i chiodi di garofano sono stati inseriti, mescoliamo la cannella con una punta di noce moscata grattugiata o zenzero in polvere. Questo passaggio non è necessario; si può utilizzare solamente la cannella in polvere.

Mettiamo in un piccolo sacchetto di carta, o di plastica, la polvere di cannella e aggiungiamo il frutto. Agitiamo delicatamente per rivestire la frutta e chiodi di garofano di polvere di cannella.

Rimuoviamo il frutto dal sacchetto e riponiamolo in una scatola foderata di tessuto o in una ciotola ciotola, senza coperchio. Potrebbe andar bene anche un piccolo sacchetto di carta. Conserviamo in un luogo asciutto fino a quando il frutto si restringerà e si indurirà, ci vorranno circa 3-4 settimane.

Un trucco: se mettiamo il frutto a indurirsi nella nostra auto, il calore del giorno fornirà un meccanismo di asciugatura eccellente e renderà la nostra auto profumatissima. La chiave per un Pomander di successo è quello di lasciar asciugare lentamente la frutta in un luogo caldo e asciutto. Se si asciuga rapidamente, la parte esterna si indurirà lasciando però l’interno a marcire.

Una volta terminata l’essiccazione iniziale, incartiamo il nostro Pomander regalo e con un nastro attacchiamo un biglietto di auguri.

L’aspettativa di vita del Pomander dipende dall’umidità dell’ambiente, ma se conservato in un luogo caldo e asciutto può durare anche anni!

Alcune varianti del Pomander di Natale

Possono essere aggiunte alcune varianti al nostro Pomander di Natale. 

Il Pomander di Natale

Porta-candela

Per realizzare il Pomander porta-candela basterà intagliare il frutto con un coltello da cucina per fare spazio alla candela. Io consiglio di inserire la candela prima dell'essiccazione, in modo che, se il frutto dovesse rimpicciolirsi, la candela avrà comunque il suo spazio. 

Pomander di natale decorato

Pomander decorato

Con un coltellino da cucina appuntito è possibile intarsiare il Pomander con vari disegni: spirali, zig zag, cuori e persino alberi di Natale. L'importante è non incidere troppo in profondità il frutto.

Continua a leggere...

Le ultime risorse

Giugno in campagna

Giugno in campagna

Giugno in campagna – Rubrica di pedagogia di campagna a cura di Maria Luna Piccolo, che ogni mese ci accompagnerà alla scoperta dei ritmi lenti della campagna.

Leggi Tutto »
Torna in alto