Masha e Orso

Masha e Orso

Fiaba per bambini
Età consigliata: dai 4 anni

Masha e Orso

C’erano una volta un nonno e una nonna che avevano una nipotina di nome Masha. Un giorno le amiche della bimba vollero andare nel bosco a raccogliere funghi e bacche, e passarono a chiamare anche Masha.

<<Nonnino, nonnina>> disse Masha, <<lasciatemi andare nel bosco con le mie amiche!>>

Il nonno e la nonna risposero: <<Vai pure, ma bada di stare sempre insieme alle altre, altrimenti nel bosco potresti perderti!>>

Le bambine entrarono nel bosco e cominciarono a raccogliere funghi e bacche. Masha, passando da un albero all’altro, da un cespuglio all’altro, si spinse lontano dalle amiche. Quando si rese conto di essersi spinta troppo lontano, le chiamò a gran voce, ma le amiche non la sentivano e non risposero. 

Masha vagò per il bosco; si era perduta per davvero. Arrivò cosi nella parte più fitta e più sperduta del bosco. 

D’un tratto vide una casa. Masha bussò alla porta, ma nessuno rispose. Spinse allora la porta e questa si spalancò. 

Masha entrò nella casa e si sedette vicino alla finestra, sulla panca. Se ne stava lì seduta e pensava: <<Chissà chi ci abita? Perché non si vede nessuno?>>

In quella casa ci abitava un orso grande e grosso, che in quel momento non si trovava in casa: era fuori, nel bosco.

La sera l’orso tornò a casa, vide Masha e ne fu felice. Aveva proprio bisogno di aiuto in casa.

<<Ora>> disse, << non ti lascio più andare via! Mi accenderai la stufa, mi cucinerai il cibo e mi apparecchierai la tavola.>> 

Masha si rattristò, si disperò, ma non riuscì a convincere l’orso a lasciarla andare, così visse nella casa dell’orso. L’orso usciva la mattina per andare nel bosco, ma prima raccomandava a Masha di non uscire di casa <<Se provi ad andartene>> diceva, <<ti acchiapperò, ovunque tu vada, e ti mangerò!

Masha pensò a come poteva scappare dall’orso. Tutt’intorno c’era il bosco, non sapeva da che parte andare e non c’era nessuno a cui chiederlo.

Pensò e ripensò, e infine trovò la soluzione. Un giorno, l’orso tornò dal bosco e Masha gli disse: <<Orso, lasciami andare per una giornata al villaggio. Voglio portare qualcosa ai miei nonni.>>

<<No>> disse l’orso, <<nel bosco ti smarriresti. Dammi quel che vuoi mandare: glielo porto io.>>

Masha preparò dei pasticcini, prese un grosso cesto e disse all’orso: <<Ecco, guarda, metto i pasticcini in questo cesto, tu portali al nonno e alla nonna. Ma bada bene, non aprire il cesto e non mangiare i pasticcini. Io mi arrampico sulla quercia e ti tengo d’occhio da lassù!>>

<<Va bene>> disse l’orso, <<da’ qui il cesto!>>

Masha a quel punto gli disse: <<Vedi un po’ fuori, se piove!>>
Appena l’orso fu uscito, Masha subito si raggomitolò dentro il cesto e si mise sulla testa il piatto con i pasticcini.

L’orso tornò, vide il cesto bell’e pronto, se lo caricò sulle spalle e partì per il villaggio.
Camminò l’orso tra gli abeti, s’inoltrò tra le betulle, scese nei burroni e salì sui cocuzzoli.

Camminò e camminò, si stancò e disse <<Questo è proprio il posticino per mangiarmi un pasticcino.>> Ma una voce: <<Ti vedo, ti vedo! Non toccare i pasticcini! Porta tutto ai miei nonnini!>>

<<Guarda che vista acuta>> disse l’orso, pensando che Masha lo controllasse dall’alta quercia <<vede tutto!>> 

Si rimise in spalla il cesto e andò oltre. Camminò e camminò, si fermò, si sedette e disse: <<Questo è proprio il posticino per mangiarmi un pasticcino.>>

E Masha dal cesto: <<Ti vedo, ti vedo! Non toccare i pasticcini! Porta tutto ai miei nonnini!>>

<<Guarda com’è furba! Si è messa bene in alto, vede ben lontano!>>
L’Orso si alzò e cominciò a camminare più in fretta.

Arrivò al villaggio, trovò la casa dove abitavano il nonno e la nonna e bussò con tutte le sue forze.
<<Aprite, ehi, di casa! Masha vi manda dei pasticcini.>>

I cani che avevano fiutato la presenza dell’orso gli si lanciarono addosso. Abbaiando e accorrendo da tutti i cortili.
L’orso si spaventò, posò il cesto a terra accanto alla porta e scappò nel bosco senza nemmeno voltarsi indietro a guardare.

II nonno e la nonna uscirono sulla porta. Guardarono per terra e videro il cesto.
<<Cosa mai ci sarà dentro?>> disse la nonna.

Il nonno alzò il coperchio, guardò e non credette ai propri occhi: dentro c’era Masha, sana e salva.
Il nonno e la nonna si rallegrarono assai.
Presero ad abbracciare e a baciare Masha.

Masha era stata furba, ma decise di non allontanarsi più da sola.

Le ultime risorse

Giugno in campagna

Giugno in campagna

Giugno in campagna – Rubrica di pedagogia di campagna a cura di Maria Luna Piccolo, che ogni mese ci accompagnerà alla scoperta dei ritmi lenti della campagna.

Leggi Tutto »
Torna in alto