L’oca d’oro (Grimm, 64)

Fiabe per bambini su Parenta

Racconto per bambini
Età consigliata: dai 5 anni

L’oca d’oro

C’era un uomo che aveva tre figli; il minore, chiamato il Grullo, era disprezzato, dileggiato e messo da parte in ogni occasione. Un giorno il maggiore volle andare nel bosco a far legna e prima di uscire la madre gli diede una bella frittata e una bottiglia di vino perché‚ non patisse la fame e la sete. Quando giunse nel bosco, incontrò un vecchio omino grigio, che lo salutò e disse: “Dammi un pezzo della tua frittata e fammi bere un sorso del tuo vino, ho tanta fame e tanta sete!”. Ma il figlio avveduto rispose: “Se ti do la mia frittata e il mio vino, a me non resta più nulla. Vattene per la tua strada!” e se ne andò. Incominciò a tagliare un albero, ma ben presto sbagliò il colpo ferendosi il braccio con la scure e dovette andare a casa a farsi bendare. In realtà si trattava del castigo dell’omino grigio. 

Per continuare a leggere hai bisogno di un'iscrizione.

Iscriviti o entra nel tuo account:

Le altre fiabe

Torna in alto